Seguici su:

CALENDARIO EVENTI

<< Set 2017 >>
lmmgvsd
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 1
Habitdata

HABITDATA

08/09/2017
21:00 - 23:00


3° appuntamento

Venerdì 8 settembre – ore 21.00

Spazio Matta – Via Gran Sasso, 53, Pescara

HABITDATA

Compagnia Ariella Vidach-AIEP

Idea e regia: Claudio Prati e Ariella Vidach

Coreografia: Ariella Vidach

Interpreti: Gloria Dorliguzzo, Manolo Perazzi, Federica Esposito

Programmazione robotica: Massimiliano Davì / MAXeffects

Disegno sonoro e programmazione audio: Alessandro Perini

Programmazione max-msp: Paolo Solcia

Grafica interattiva e visiva: Sebastiano Barbieri

Set: Claudio Prati

Costumi: AiEP

Produzione: 2017/ AiEP

Co-produzione: FIT Lugano/Festival MilanoOltre/IAC Malmoe

Con il sostegno di: MIBACT, NEXT Regione Lombardia, Comune di Milano, DAC città di Lugano, DECS Canton Ticino/Swisslos

La relazione contesa tra natura umana e vita artificiale, tra biologia e robotica, delinea il nuovo lavoro di Ariella Vidach-AIEP con la regia di Claudio Prati. Lo spettacolo esplora e sperimenta le potenzialità della tecnologia dell’automazione applicate alla coreografia.

Un tracciato di scarti tra presente e futuro, una mappatura di echi, risonanze, specularità inesatte, mettono a nudo la relazione tra uomo e macchina, biologia e robotica, due mondi alla ricerca di un equilibrio che si rivela attraverso il delicato processo cognitivo che scaturisce dall’attenzione e dall’ascolto. Il confronto serve a sottolineare le differenze, particolarmente evidenti nelle sequenze all’unisono che vede impegnati i danzatori così come il braccio robotico. Variazioni ritmiche, accenti e sospensioni aprono lo spazio alternate a gesti che rimandano a rituali.

La coreografia è pensata per un ensemble di danzatori in un dialogo indiretto con un braccio robotico dotato di un occhio-telecamera (kinect) e di un videoproiettore. Attraverso un sofisticato sistema di programmazione, l’automa codifica i movimenti dei danzatori, entrando in relazione con essi e proiettando sequenze di immagini e luce in un estraniante gioco di delay.

La relazione tra spazio scenico e realtà aumentata, tra uomo e automa, determina uno sviluppo drammaturgico delle partiture visive, musicali e coreografiche.

BIGLIETTI: € 8 – Amici di Corpografie € 6

INFO: Anouscka Brodacz 380 3322179 PRENOTAZIONI: Luisa Di Ciano 333 3819157

Google : Corpografie2014 Fb Corpografie

Sito web: http://corpografie2017.blogspot.com/2017/05/corpografie-2017-iv-edizione-direzione.html

banner web CIO CHE RESTA NEL BUIO 22 aprile 2016Metamorfosi